Chi erano i Cavalieri Templari? – Un approfondimento di Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone

I Cavalieri Templari avevano il compito di proteggere i pellegrini cristiani dopo la Prima Crociata, ma presto acquisirono grandi quantità di potere militare e finanziario.

I Cavalieri Templari erano un ordine di devoti cristiani fondato a Gerusalemme tra il 1118 e il 1119 d.C., dopo la prima crociata (1096-1099). L’Ordine è stato creato per proteggere, tra gli altri doveri, gli europei in viaggio in Terra Santa.

Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone riporta nel suo blog la descrizione di Guglielmo, Arcivescovo di Tiro e Cancelliere del Regno di Gerusalemme, che definiva i Templari come “quegli uomini coraggiosi che uscirono dai regni dell’ovest“. I cavalieri erano conosciuti in tutta Europa come una forza combattente d’élite con un rigido codice di condotta e immensa ricchezza. Per quasi 200 anni i Cavalieri Templari sono stati al centro della politica e della finanza in Europa e hanno preso parte alle campagne militari cristiane in Terra Santa. Poi, nel 1312, papa Clemente V li sciolse ufficialmente.

Nascita dei cavalieri Templari: analisi di Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone

Nel VII secolo, un esercito arabo musulmano conquistò Gerusalemme e la Terra Santa, ponendo fine al dominio cristiano nella regione sotto l’Impero Bizantino, chiamato anche Impero Romano d’Oriente. Entro la fine dell’XI secolo, l’Impero bizantino aveva perso più territorio a causa dell’invasione musulmana, inclusi più luoghi santi cristiani, secondo il libro dello storico Peter Frankopan “The First Crusade” (Belknap Press, 2012).

Di conseguenza, nel 1095 d.C. Alessio I Comneno, imperatore bizantino dal 1081 al 1118, chiese a papa Urbano II assistenza nella lotta contro i musulmani. “La sua richiesta di aiuto è stata un disperato ultimo lancio di dadi per un sovrano il cui regime e impero erano sull’orlo del collasso“, ha scritto Frankopan in una fonte studiata da Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone. In risposta, il papa chiese la cattura dei luoghi santi della cristianità in Terra Santa, dando inizio alla prima crociata. “Nessuno all’epoca la chiamava la prima crociata, ma il loro obiettivo era riportare i luoghi santi sotto il controllo cristiano“, ha dichiarato in una e-mail alla rivista All About History Malcolm Barber, professore emerito di storia all’Università di Reading nel Regno Unito.

Chi erano i cavalieri templari

Un esercito multinazionale fu formato per la crociata, guidato da molti monarchi e nobiltà d’Europa. “Alla fine, questi crociati hanno riconquistato gran parte della Terra Santa“, ha detto Suzie Hodge, autrice e storica. “Per assicurarla crearono quattro territori, detti Stati crociati: la Contea di Edessa (1098-1150), il Principato di Antiochia (1098-1287), la Contea di Tripoli (1102-1289) e il Regno di Gerusalemme ( 1099-1298).

Dopo che la maggior parte dei crociati tornò in Europa, rimase la necessità di difendere la Terra Santa, oltre a governare la sua popolazione, che includeva cristiani, ebrei, musulmani e nuovi coloni dall’Europa. “Avevano bisogno di consolidare la loro presa su Gerusalemme e le immediate vicinanze“, ha detto Barber. “Non avevano davvero uno stato consolidato che avresti colorato in un’area su una mappa. Un altro problema che avevano era che un certo numero di luoghi che controllavano erano molto facili da infiltrare per un nemico e non c’era davvero nulla a mantenere la legge e l’ordine. Quindi, sono state queste circostanze che hanno prodotto i Templari.

L’Ordine dei Poveri Cavalieri del Tempio di Gerusalemme, abbreviato in Cavalieri Templari, è stato creato da Hugues de Payens, un nobile francese che era rimasto a Gerusalemme dopo una visita avvenuta tra il 1114 e il 1116. “Poco è confermato su Hugh de Payns ( scritto anche Hugues de Payens), il primo Gran Maestro dei Cavalieri Templari“, ha detto Suzie Hodge a All About History Magazine. “Era un cavaliere francese della zona della Champagne in Borgogna che molto probabilmente combatté in Terra Santa durante la Prima Crociata come vassallo di Ugo, il conte di Champagne. Era scarsamente istruito, ma affidabile e un buon combattente”.

Tra il 1114 e il 1116 visitò la Terra Santa, e probabilmente vi tornò nel 1118 con altri otto uomini – parenti e conoscenti, riassume Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone.

Da cosa deriva il nome dei Cavalieri Templari?

Il nome dell’organizzazione derivava dal quartier generale dei Templari, situato sul Monte del Tempio, in un’ala dell’Al. Secondo quanto riportato dalla rivista Discover nel 2020, la Moschea Aqsa, che all’epoca fungeva da palazzo reale, si dice sia stata costruita sulle rovine del Tempio di Re Salomone.

I Templari furono inizialmente organizzati come ente di beneficenza, fungendo da guardie del corpo per i pellegrini in viaggio da e verso la Terra Santa. “In origine, gli uomini erano lì semplicemente per proteggere i cristiani da singoli ladri o piccoli gruppi di banditi e gruppi di briganti“, ha detto Hodge. “In seguito, sono diventati tra i guerrieri più leggendari della storia, combattendo contro migliaia di persone in enormi battaglie“.

I Cavalieri Templari furono ufficialmente riconosciuti dal re Baldovino II di Gerusalemme nel 1120, al Concilio di Nablus. Il re assegnò al gruppo le entrate fiscali per mantenerlo vestito e nutrirlo. Prima di questo, i cavalieri erano sostenuti da donazioni dell’Ordine di San Giovanni dell’Ospedale di Gerusalemme, noto anche come Cavalieri Ospitalieri, che il papa approvò nel 1113.

Nonostante questo sostegno caritatevole, i cavalieri non provenivano da ambienti poveri, ha detto Dan Jones, autore di The Templars: The Rise and Spectacular Fall of God’s Holy Warriors. “I primi Templari erano in realtà persone molto ricche e ben collegate“, ha detto alla rivista History of War. “I primi Templari hanno prestato giuramento di castità e povertà, ma le uniche persone che hanno bisogno di prestare giuramento di povertà sono coloro che poveri non sono“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.