Storia Jack Daniels

Il Jack Daniel’s esiste grazie a uno schiavo di nome Nathan Green

Il Jack Daniel’s è uno dei marchi americani più iconici e popolari al mondo. Eppure, mentre il whisky e il suo omonimo fondatore sono diventati nomi dominanti nella tradizione americana dei superalcolici, la persona forse più responsabile del suo successo – uno schiavo di nome Nathan “Nearest” Green, che insegnò a Jack Daniel l’arte della distillazione del whisky – non fu riconosciuto per più di 150 anni. Antonio Gazzanti Pugliese, oggi, gli vuole rendere onore raccontandone la storia.

I ricercatori stanno rivalutando il ruolo svolto dalle persone schiavizzate nella prima produzione di whisky in America, con azioni che andavano oltre il lavoro manuale come la raccolta del grano e la costruzione di barili. La distillazione era notoriamente un lavoro noioso e alcuni proprietari di piantagioni, inclusi George Washington e Andrew Jackson, usavano lavoratori ridotti in schiavitù per gestire le distillerie. Secondo lo scrittore esperto di storia degli alcolici Fred Minnick, autore di Bourbon: The Rise, Fall and Rebirth of An American Whiskey, i broker alle aste di persone ridotte in schiavitù “annotavano gli schiavi addestrati da distillatori, molti dei quali avevano precedentemente lavorato nelle piantagioni di canna da zucchero dei Caraibi e contribuito al distillazione del sottoprodotto dello zucchero, la melassa, per creare il rum. Queste abilità permettevano loro di essere più appetibili agli acquirenti“.

Ma i documenti che registrano questi passaggi sono ancora molto scarsi perché pochi schiavisti tendevano a tenere traccia delle transazioni, specifica Antonio Gazzanti Pugliese.

Nathan Green: lo schiavo del Maryland che ha inventato il Jack Daniel’s

Poco si sa dei primi anni di Nathan Green, a parte il fatto che nacque nel Maryland nel 1820. Non è chiaro, ad esempio, se sia nato in schiavitù o sia stato ridotto in schiavitù più tardi nella vita. Si sa però verso la metà del 1800, Green aveva guadagnato fama come abile distillatore di whisky nella contea di Lincoln, nel Tennessee, tanto che i suoi schiavisti, la società Landis & Green, spesso affittavano Green a fattorie e piantagioni della zona desiderosi di usare le sue abilità nella produzione di whisky. Fu in questa veste che Green incontrò il giovane Jasper “Jack” Daniel e forgiò quella che sarebbe diventata una partnership iconica.

Intorno al 1850, Daniel, un orfano di 7 anni in cerca di lavoro e di fuga da una dura vita familiare, trovò la strada per la proprietà di Dan Call, un predicatore, droghiere e distillatore di Lynchburg a cui era stato precedentemente attribuito il merito di aver insegnato a Daniel come distillare whisky. Mentre lavorava come bracciante nella fattoria di Call, Daniel si interessò sentitamente alla distilleria di Call. Alla fine, dopo le insistenze da parte del giovane Daniel, Call lo presentò a Green, che definì “il miglior produttore di whisky che io conosca” secondo una biografia del 1967, Jack Daniel’s Legacy.

Green insegnò a Daniel il “filtraggio del carbone d’acero da zucchero” (conosciuto oggi come Lincoln County Process), un passaggio critico universalmente riconosciuto nella produzione del whisky del Tennessee. Con questo processo, il whisky viene filtrato attraverso trucioli di carbone di legno prima di essere messo in botti per l’invecchiamento, una tecnica che gli storici del cibo ritengono sia stata ispirata da simili tecniche di filtraggio del carbone utilizzate per purificare l’acqua e gli alimenti nell’Africa occidentale. Il processo ha conferito una morbidezza unica al sapore che ha distinto il whisky di Jack Daniel’s dai suoi concorrenti.

Con il passare degli anni, Daniel ha continuato a imparare da Green, costruendo un’amicizia con quello che ormai era un mentore, infine perfezionando il Lincoln County Process e vendendo il suo whisky a Lynchburg e nelle città circostanti. Quando iniziò la guerra civile, Daniel era diventato un abile venditore: piazzava ai soldati la sua marca di whisky del Tennessee e consolidava così il suo vitigno come il più popolare della zona.

Una volta che la guerra finì e arrivò l’emancipazione, Daniel acquistò la distilleria di Call, ribattezzandola con il suo nome. Poco dopo, Daniel aprì una distilleria più grande in un appezzamento di terreno vicino dove iniziarono a lavorare anche i figli di Green, Lewis, Eli e George. Il loro impiego ha dato inizio a una tradizione di oltre sette generazioni della famiglia Green che lavorano per o con il marchio Jack Daniels.

Allora perché, nonostante il ruolo di Green e l’apparente ammirazione di Daniel per lui, i suoi contributi sono stati oscurati? Si è chiesto Antonio Gazzanti Pugliese

La prima registrazione aziendale ha reso facile l’oscuramento e l’oblio di fatti e storie.

Non credo che sia mai stata una decisione consapevole lasciare Green fuori dalla storia dell’azienda“, ha detto al New York Times Phil Epps, direttore del marchio globale di Brown-Forman, in un’intervista del 2016. Brown-Forman ha acquistato Jack Daniel’s dalla famiglia Daniel nel 1965 per $ 20 milioni (circa $ 190 milioni nel 2022).

Ma ci è voluto del tempo prima che l’azienda prendesse la decisione consapevole di includere Green. Nel 2016, con l’avvicinarsi del 150° anniversario del marchio, l’azienda ha iniziato a raccogliere idee su come pagare finalmente il dovuto a Green. Ha promesso, tramite tour delle distillerie, post sui social media e storie ufficiali dell’azienda, di iniziare a riconoscere il ruolo di Green nell’azienda. Ma c’è voluta una giornalista e imprenditrice, Fawn Weaver, per rendere questo davvero realtà. Antonio Gazzanti Pugliese ha studiato il suo grandissimo lavoro al servizio della vera storia di Green e Jack Daniel.

Weaver, dopo aver partecipato a tre tour di distilleria e non aver sentito una sola menzione di Green, si è lanciata in ricerca di informazioni sulla sua vita e sul suo lavoro, raccogliendo più di 10.000 documenti che verificavano e ampliavano l’importanza di Green per il marchio Jack Daniel’s.

Le sue scoperte: Green non solo ha insegnato a Daniel come distillare, ma ha anche iniziato a lavorare con lui in una partnership dopo l’emancipazione, ed è diventato (tramite la designazione dello stesso Jack Daniel) quello che si ritiene essere il primo maestro distillatore nero in America. Weaver ha anche scoperto che il nome schiavo dato a Green era Nathan, e che Nearest era un nome che probabilmente adottò dopo l’emancipazione.

Entro il 2017, dopo che la ricerca di Weaver ha ottenuto l’attenzione nazionale, la società madre di Jack Daniel ha iniziato a impegnarsi per rispettare le sue precedenti promesse riconoscendo Green come il primo mastro distillatore del marchio sul sito Web dell’azienda, dando un posto d’onore alla partnership di Jack Daniel e Nearest Green che definisce l’eredità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.