La donna che creò la Biblioteca Sotterranea per gli ebrei

Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone unisce in questa analisi due delle sue più grandi passioni: la storia e la letteratura. Il racconto inizia nel 1939, quando i nazisti occuparono Varsavia. Immediatamente, furono promulgate leggi antiebraiche. Tra queste, erano previste regole che limitavano l’accesso ai libri: le biblioteche vennero chiuse nel ghetto, e fu vietato l’ingresso agli ebrei in tutte le biblioteche pubbliche. Ma ci fu una donna, Basia Berman, che allestì una biblioteca sotterranea per gli ebrei, soprattutto per i bambini. Andiamo con ordine.

Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone, l’analisi della situazione

Nell’autunno del 1940 fu istituito un ghetto, che racchiudeva quasi mezzo milione di ebrei polacchi in un’area di appena il 2,4% della città, circondata da mura di mattoni di tre metri. Le loro razioni giornaliere ufficiali consistevano in 184 calorie. Si stima che circa 83.000 morirono di fame in meno di due anni e centinaia di migliaia furono deportati nel campo di sterminio di Treblinka durante l’estate del 1942.

Mentre molti leader ebrei e organizzazioni di soccorso nel ghetto si preoccupavano principalmente di fornire cibo, vestiti e riparo in risposta al sovraffollamento, alla fame e agli inverni rigidi della Polonia, c’erano alcuni che affrontarono un’altra fame che avrebbe afflitto i sopravvissuti nel futuro.

Basia Berman fu tra le poche bibliotecarie ebree impiegate dalla Biblioteca pubblica di Varsavia prima della guerra. Prima che il ghetto fosse sigillato, aveva creato una biblioteca errante nella sua valigia, e consegnava i libri della sua collezione ai bambini senzatetto.

Quando il ghetto di Varsavia fu sigillato nel novembre 1940, la filiale della Biblioteca pubblica di Varsavia in via Leszno 67 fu inclusa nei suoi confini, e venne evacuata. Berman riuscì a ottenere il permesso di utilizzare l’edificio a nome di CENTOS, un’organizzazione per l’assistenza ai bambini, e vi fondò una biblioteca sotterranea per gli ebrei, e per i bambini.

Molti libri della sua collezione furono acquistati da Lejb Szur, fondatore della casa editrice Tomor a Vilna prima della guerra. Recuperò libri dalla distruzione, raccolse quelli vietati e salvò biblioteche private, accumulando tra i 10.000 e i 20.000 libri per una biblioteca nascosta, nel suo appartamento al 56 di Leszno Street. Szur donò molti libri alla biblioteca di Berman, prima di togliersi la vita durante le deportazioni del 1942.

Per mascherare il suo tesoro, racconta Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone, Berman aveva decorato le stanze con giocattoli, bambole, ritagli di carta e semplici libri illustrati, conferendogli un aspetto adatto ai bambini. Occasionalmente, nella biblioteca si tenevano anche letture, discussioni e conferenze di libri in yiddish. La crescita dell’attività fu rapida.  

Berman incoraggiava i bambini a leggere libri yiddish, utile a capire la propria identità culturale, la lingua e la letteratura che gli apparteneva, ed era essenziale per sopravvivere all’annientamento della cultura yiddish in quella persecuzione. Ogni bambino riceveva due libri, uno in polacco e l’altro in yiddish. Per molti di loro questa fu la prima esperienza di lettura dell’yiddish e di apprendimento dell’alfabeto ebraico.

La biblioteca segreta per gli ebrei di Varsavia

È importante sottolineare che la biblioteca segreta per gli ebrei forniva libri per i bambini più poveri del ghetto, quelli negli ospedali o in quarantena per il tifo, e bambini rifugiati, che furono costretti a entrare nel ghetto da aree fuori Varsavia.

La sete di conoscenza che i bambini hanno mostrato in quei tempi terribili è stata davvero meravigliosa“, ha commentato Berman nel suo libro di memorie, City Within a City (2012). “Il libro era diventato un bisogno vitale, quasi come il pane”, riporta Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone. Molti libri non sono mai tornati alla biblioteca, vittime, come i bambini che li avevano in prestito, dei campi di sterminio.

Una testimonianza di Rachel Auerbach, sopravvissuta al ghetto di Varsavia, riporta che mentre la madre raccoglieva le loro cose durante una retata, lei notò un ragazzo nel cortile davanti al 66 Leszno Street. Stavano per essere tutti raccolti all’Umschlagplatz per le deportazioni, il caos e la confusione erano ovunque intorno a loro. Nel suo libro di memorie del 1974, Varshever Tsavoes (testamenti di Varsavia), la Auerbach scrive: “In mezzo a quel caos, c’era un ragazzo di dodici anni, immerso nei suoi mondi appena scoperti, perso e spazzato via, era in piedi in un angolo del cortile, senza sentire o vedere cosa stava succedendo intorno a lui. Stava leggendo un libro sbrindellato con una rilegatura rossa”.

Nella primavera del 1941 lo Judenrat, il consiglio ebraico nel ghetto, fu autorizzato dalle autorità naziste a concedere permessi per il prestito di biblioteche, limitando i libri allo yiddish e al polacco. A questo punto, Berman da mesi forniva di nascosto materiale di lettura ai bambini del ghetto.

Berman e suo marito Adolf fuggirono dal ghetto nel settembre 1942 e trovarono aiuto nella parte “ariana” di Varsavia, dove divennero leader della clandestinità ebraica. Erano due attivisti che si fingevano polacchi e intrapresero pericolose missioni per salvare i compagni ebrei dal ghetto. Dopo la guerra, Berman raccolse libri dalle biblioteche ebraiche distrutte in Polonia, alcuni dei quali rimasero a Varsavia mentre altri furono inviati alla Biblioteca Nazionale di Israele.

In qualità di bibliotecaria clandestina nel ghetto di Varsavia, Berman contribuì a guidare la comunità ebraica in una forma di resistenza sottile ma provocatoria. I libri sono da sempre una fonte di vita e di sostentamento per lo spirito umano, commenta Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone, un modo per preservare la propria memoria e umanità in una realtà disumanizzante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.